Variazioni alla denuncia annuale dei rifiuti – Nuova scadenza per la presentazione

Il 22 febbraio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.P.C.M. 24 dicembre 2018, contenente il modello e le istruzioni per la compilazione. Struttura del modello, soggetti obbligati e modalità di invio sono rimasti invariati rispetto allo scorso anno, ma sono state introdotte alcune limitate modifiche alle informazioni da trasmettere, principalmente per i soggetti che svolgono attività di recupero e trattamento dei rifiuti.

La ritardata pubblicazione in Gazzetta ha fatto slittare la scadenza per la presentazione al 22 giugno, come previsto dall’art. 6 della Legge 70/1994.

Di seguito si riportano schematicamente i soggetti obbligati e la tipologia di comunicazione da presentare.

Tipologia di comunicazione

Comunicazione rifiuti

Soggetti obbligati:

  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti
  • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione
  • Enti ed imprese che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti
  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi
  • Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall’articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g))

Comunicazione veicoli fuori uso

Soggetti obbligati

  • Chi effettua  attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali

Comunicazione imballaggi

Soggetti obbligati

  • Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti di cui all’articolo 221, comma 3, lettere a) e c)
  • Sezione Gestori rifiuti di imballaggio: impianti autorizzati a svolgere operazioni di gestione di rifiuti di imballaggio di cui all’allegato B e C della parte IV del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

Comunicazione Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Soggetti obbligati

  • Coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 49/2014

Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione

Soggetti obbligati

  • Istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati

Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Soggetti obbligati

  • Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritti al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento

 

 

Ricordiamo che le imprese agricole di cui all’articolo 2135 del codice civile, nonché i soggetti esercenti attività ricadenti nell’ambito dei codici ATECO 96.02.01, 96.02.02 e 96.09.02 che producono rifiuti pericolosi, compresi quelli aventi codice CER 18.01.03*, relativi ad aghi, siringhe e oggetti taglienti usati, non sono tenuti alla presentazione del MUDL’obbligo di registrazione nel registro di carico e scarico dei rifiuti e l’obbligo di MUD di cui al D.lgs.152/06 per i soggetti sopra indicati si intendono assolti, anche ai fini del trasporto in conto proprio (fino ad un massimo di 30 kg al giorno) attraverso la compilazione e conservazione, in ordine cronologico, dei formulari di trasporto di cui all’art. 193 D.lgs.152/06.

 

 

Come ogni anno Pangea Consulenze offre la propria consulenza per guidarvi nella compilazione e invio del MUD. Siamo a disposizione per redigere un’offerta personalizzata per la vostra azienda.

 

Richiedici un preventivo compilando il form 

oppure contattaci al numero 0577043092 o alla mail e.grassini@pangeaconsulenze.com